Bovaro del Bernese

Bovaro del Bernese

Il Bovaro del Bernese lo si riconosce immediatamente per il suo mantello vistoso e bellissimo sotto il quale si cela un cane bonario, robusto e forte.
Ma attenzione, pur essendo un cane che si adatta bene alle famiglie (anche) con bambini, necessita di una discreta cura e non ama particolarmente la vita in appartamento.
Introduzione

Introduzione

I Bovari del Bernese appartengono alla famiglia dei cosiddetti bovari svizzeri (sennenhunde – cani da montagna, in tedesco), una razza canina di molosso-lupoidi.

  • In passato venivano impiegati: come pastori di mandrie, come cani da guardia per proteggere le famiglie, come animali da lavoro per tirare carri carichi di prodotti da vendere nei villaggi vicini.
  • All’inizio del XX secolo avevano incominciato ad essere rimpiazzati come cani da lavoro dalle macchine, ed avevano rischiato l’estinzione se non fosse stato per alcuni appassionati cinofili che si erano impegnati a preservare la razza.

Li si riconoscono subito per il loro bellissimo e vistoso manto tricolore. Di solito questo mantello ha,

  • una striscia bianca che sembra una croce rovesciata, sul petto,
  • una fiammata bianca tra gli occhi,
  • un tocco di bianco sulla punta della coda.
  • Sotto questo manto si trova un cane grosso, robusto e forte.

Non solamente sono belli e forti, ma hanno anche un temperamento meraviglioso: sono leali, affettuosi ed intelligenti, sono desiderosi di compiacere i loro padroni, sono facili da addestrare e sono piuttosto spensierati.

Si adattano bene a vivere in famiglia ed a giocare coi bambini. Non sono però molto adatti a chi abita in un appartamento ed a chi non ha un grande cortile recintato in in cui giocare e fare attività fisica.

Essendo dei cani da lavoro, imparano facilmente e sono facili da addestrare. Devono però essere addestrati e socializzati in giovane età in ragione della loro mole, prima che acquisiscano la forza del cane adulto. Chi si accinge ad acquistare un cucciolo di Bovaro deve anche sapere che,

  • il “Berner” è un animale lento a maturare fisicamente e mentalmente, che quindi il suo passaggio dalla condizione di cucciolo a quella di adulto avviene più tardi rispetto ai cani di altre razze,
  • pur essendo un cane “bonaccione”, se lo trattiamo in modo troppo duro e severo possiamo facilmente traumatizzarlo,
  • i Bovari del Bernese sono degli animali affascinanti e con un eccellente temperamento ma – e forse anche per questa ragione – hanno una vita piuttosto breve.
La personalità

Personalità del cane: i fattori che la condizionano

Abbiamo detto che il Bovaro del Bernese è un cane affettuoso, intelligente, vigile, gentile, calmo e tollerante, ma che è anche un cane lento a maturare, e che raggiunge la taglia di un cane adulto molto prima di essere mentalmente maturo ed anche che è portato a proteggere la sua famiglia. Dopodiché va detto che possono anche incidere sulla sua personalità,

  • il suo addestramento,
  • la sua socializzazione,
  • l’ereditarietà.

Addestramento. E’ importante addestrare ed insegnare al Bovaro del Bernese come deve comportarsi, in casa, con le altre persone, con gli altri animali fin da quando è ancora cucciolo perché, vuoi per la sua mole, vuoi per il fatto che è portato a difendere e proteggere i suoi familiari potrebbe essere anche pericoloso.

Socializzazione. Occorre che il Bernese inizi a socializzare precocemente con gli estranei, coi quali potrebbe mostrarsi all’inizio un po’ timido e distante: è bene quindi abituarlo ad avere contatti con persone, animali, stimoli e situazioni diverse.

La socializzazione serve al cucciolo a diventare un cane a tutto tondo. Anche avere parenti ed amici a casa, portarlo in parchi affollati, nei negozi, ecc…potranno essere utili a perfezionare le sue “abilità sociali”

Essendo un animale a cui piace rimanere accanto ai suoi “familiari”, se viene lasciato solo a lungo potrebbe manifestare alcuni indesiderabili comportamenti.

Ereditarietà. Ovviamente, sul suo temperamento incide anche l’ereditarietà. Quei cuccioli di Bovari del Bernese che hanno un bel temperamento, sono curiosi, giocherelloni e sono disposti ad avvicinarsi alle persone.

Ne consegue che chi fosse interessato ad un Bovaro del Bernese, per sapere come poi sarà grande, farebbe bene a trascorrere un po’ tempo col cucciolo a cui è interessato in modo vedere se ha dei comportamenti “piacevoli” adatti al proprio stile di vita; ma può essergli utile anche osservare sua madre, i suoi fratelli o altri suoi parenti.

Su una scala da uno a cinque, possiamo così sintetizzare le caratteristiche tipiche di un cane di questa razza.

  • Adatto a rimanere a casa da solo: 1/5.
  • Adatto a chi ha poca esperienza coi cani: 2/5.
  • Sensibilità: 4/5.
  • Capacità di sopportare la solitudine: 1/5.
  • Capacità di sopportare il freddo: 5/5.
  • Capacità di sopportare il caldo: 1/5.
  • Affezione alla famiglia: 5/5.
  • Tolleranza coi bambini: 5/5.
  • Tolleranza con gli altri cani: 3/5.
  • Tolleranza con gli estranei: 5/5.
  • Perdita di pelo: 5/5.
  • Tendenza a sbavare: 4/5.
  • Facilità di toelettatura: 3/5.
  • Stato di salute della razza: 1/5.
  • Tendenza ad ingrassare: 4/5.
  • Taglia: 5/5.
  • Facilità all’addestramento: 4/5.
  • Intelligenza: 4/5.
  • Tendenza a morsicare: 5/5.
  • Aggressività verso potenziali prede: 5/5.
  • Tendenza ad abbaiare e ad ululare: 4/5.
  • Tendenza ad allontanarsi, quando è libero: 3/5.
  • Sopportazione della fatica: 4/5.
  • Vigore: 3/5.
  • Necessità di fare esercizio fisico: 3/5.
  • Giocosità: 4/5.

Si tratta di “punteggi” illustrativi delle loro caratteristiche tipiche: quindi, quelle di ogni singolo cane possono discostarsene anche significativamente.

Per ulteriori informazioni, rinviamo all’articolo Come scegliere un cane.

Gli standard

Gli standard di questa razza canina

Per chi fosse interessato ad approfondire gli standard del Bovaro del Bernese (Bernese Mountain Dog, Bouvier Bernois, Boyero De Montana, Bernes, Bernese Sennenhund), ecco i principali standard riguardanti questa razza canina.

Lo standard della FCI (Fédération cynologique internationale):

Gli standard di alcune altre associazioni cinofile che non aderiscono alla FCI:

Galleria fotografica

Galleria fotografica di cani Bovari del Bernese

N02107683_3828
N02107683_3828

N02107683_4473
N02107683_4473

N02107683_3034
N02107683_3034

N02107683_3944
N02107683_3944

N02107683_4520
N02107683_4520

N02107683_3931
N02107683_3931

N02107683_2277
N02107683_2277

N02107683_2664
N02107683_2664

N02107683_275
N02107683_275

N02107683_5960
N02107683_5960

N02107683_3351
N02107683_3351

N02107683_1175
N02107683_1175

Salute e malattie

La salute e le malattie di questa razza canina

Per prima cosa va detto che i Bovari del Bernese hanno un’aspettativa di vita relativamente breve: dai sei agli otto anni. Però negli ultimi anni si registra un miglioramento a circa dieci anni, il che potrebbe essere dovuto all’aumento dei controlli circa le condizioni genetiche  dei cani da riproduzione e ad allevamenti di cani più responsabili.

Per motivi non ancora conosciuti, o forse perché non hanno un pool genico di grandi dimensioni, i Bovari del Bernese possono avere alcuni particolari problemi di salute. Le loro malattie più frequenti sono quelle che seguono:

  • abiotrofia corticale cerebellare (una patologia neurodegenerativa);
  • alopecia da diluizione del colore (displasia follicolare che colpisce cani col manto blu o fulvo);
  • displasia del gomito del cane (alterazione dell’articolazione del gomito);
  • malattia renale cronica (i reni non riescono a fare il loro lavoro);
  • displasia dell’anca (malattia che colpisce maggiormente i cani di taglia media e grande);
  • istiocitosi (gene TP53) (presenza di un numero eccessivo di istiociti nel sangue e nei tessuti);
  • ipomielinogenesi (malattia che colpisce le cellule nervose);
  • epilessia idiopatica (predisposizione a sviluppare crisi epilettiche);
  • meningite (malattia del sistema nervoso centrale);
  • atrofia progressiva della retina (displasia del bastoncello) (geni: CNGB1 RPGR GNGT2 PDE6B RD3 PDE6A C17H2orf71 SAG FAM161A MERTK CNGA1);
  • malattia di von Willebrand (gene: VWF) (disfunzione genetica caratterizzata da emorragie spontanee).
La cura del cane

La cura del cane: la toelettatura e la cura del Bernese

toelettatura

Lo stupendo manto dei Bovari del Bernese è composto da due strati di peli: da uno esterno più lungo, da un sotto-pelo lanoso. Questo loro affascinante caratteristico manto tricolore è per la maggior parte ricoperto da peli di color nero corvino.

Questo fascino però ha un prezzo: i “bernesi” perdono molti peli tutto l’anno, in particolare in primavera ed in autunno. Per questa ragione, questi animali potrebbero non essere molto adatti a chi ha dei problemi al riguardo.

Allo scopo di ridurre la quantità di peli in casa, ma anche per mantenere il manto del Bovaro del Bernese pulito, ordinato e senza grovigli, bisogna spazzolarlo più volte alla settimana e fargli fare un bagno periodicamente: ogni tre mesi circa.

E’ importante che, fin da quando è ancora cucciolo, il Bernese si abitui ad essere lavato, acconciato spazzolato ed esaminato. Anche sulle zampe: dato che i cani sono piuttosto riottosi a farsele toccare, il fatto di abituarli ad essere esaminati (un po’ alla volta) sin da piccoli, farà si che successivamente siano più collaborativi.

Devi perciò fare in modo l’operazione di toelettatura sia per lui un’esperienza positiva: quindi accompagnala da coccole, da complimenti e da premi in modo da gettare le basi per agevolare poi le visite del veterinario, le future toelettature, ecc.

cura denti

Per rimuovere / evitare l’accumulo di tartaro e di batteri sui denti del Bovaro del Bernese, e quindi per prevenire sua malattie gengivali e l’alitosi, è bene spazzolargli i denti due o tre volte alla settimana: almeno.

unghie

Per quanto riguarda le sue unghie, se il Bernese non dovesse consumarle in modo naturale, è opportuno tagliargliele una volta al mese.

Le unghie dei piedi dei cani hanno al loro interno dei vasi sanguigni. Se vengono tagliate troppo, si potrebbero verificare dei sanguinamenti, e potrebbero spaventarsi la prossima volta che vedranno un taglia-unghie.  Quindi, se non sai come fare chiedi consigli ad un veterinario o ad un toelettatore.

orecchie

Le orecchie del Bovaro del Bernese andrebbero esaminate ogni settimana per vedere che se al loro interno ci sono dei rossori e se emettono cattivi odori, cose queste che potrebbero indicare l’esistenza di un’infezione.

Allo scopo di prevenire le infezioni, quando le si controlla sarebbe bene pulirle con un batuffolo di cotone inumidito utilizzando un detergente per orecchie delicato e con pH bilanciato. Nel suo condotto uditivo non si deve inserire alcunché: basta pulirgli l’orecchio esterno.

pelle

Quando lo spazzoli e ti prendi cura di lui controlla se rilevi, sulla pelle, sul naso, nella bocca, sugli occhi, nei piedi, l’esistenza di piaghe / eruzioni cutanee, arrossamenti, dolorabilità alla palpazione, o altri segnali di una possibile infezione in corso.

occhi

Gli occhi di un Bovaro del Bernese dovrebbero essere chiari, senza arrossamenti e secrezioni. Un attento esame settimanale ti servirà ad individuare precocemente l’esistenza di problemi agli occhi.

La storia

La storia di questa razza

Il Bovaro del Bernese è una delle quattro razze canine originarie del Cantone di Berna, una vasta regione agricola famosa per la sua produzione lattiero-casearia e per quella del cioccolato. Ancora oggi, nel sito web del Cantone di Berna si può leggere che “oltre 12.000 aziende agricole sono sparse nelle valli, nelle colline e nelle aree montane del Cantone”.

In passato, i Bovari del Bernese si guadagnavano da vivere guidando il bestiame e  proteggendo le aie dagli animali predatori e poi, quando il loro lavoro giornaliero era finito, come gentili compagni dell’uomo. La caratteristica più nota di questi cani da lavoro è legata alla loro capacità di tirare coi loro larghi e muscolosi posteriori – dotati di una forza immensa – dei carichi notevolmente più pesanti del loro stesso peso.

Nonostante queste loro qualità, verso la fine del 1800 loro numero era diminuito drasticamente. Nel 1907, sotto la guida del professor Albert Heim alcuni appassionati che si erano riproposti di fermare questo declino, avevano fondato un club di questa razza canina.

Da allora il Bovaro del Bernese è ritornato ad essere un compagno delle famiglie svizzere. Ma non solo delle famiglie svizzere e non solo in Europa. La storia americana di questa razza canina è iniziata nel 1926, mentre il primo Bovaro del Bernese è stato registrato nell’American Kennel Club (AKC) nel 1937.

L’alimentazione

L’alimentazione del cane Bovaro del Bernese

Il Bovaro del Bernese dovrebbe essere nutrito con alimenti per cani di alta qualità prodotti industrialmente, oppure preparati in casa secondo le indicazioni del veterinario. Quale che sia la sua dieta, questa dovrebbe essere sempre appropriata alla sua età (cucciolo, adulto o anziano).

Alcuni Bovari del Bernese tendono al sovrappeso, quindi occorre tener sotto controllo i loro apporti calorici ed il loro peso. I “premi alimentari” possono essere utili quando li si addestra, ma troppi possono renderli obesi. Ad ogni modo, la dieta di un Bovaro del Bernese dev’essere appositamente formulata per un cane,

  • che è di grossa taglia,
  • che ha elevate necessità di esprimere la sua energia,
  • che ha bisogno fare attività fisica.

Il cane dovrebbe avere a sua disposizione sempre acqua fresca e pulita.

L’addestramento

L’addestramento

Per tutti i cani sono importanti la socializzazione e l’addestramento all’obbedienza fin da cuccioli, ma soprattutto per quelli più grandi come è il caso dei Bovari del Bernese.

Dato che si tratta di animali intelligenti e desiderosi di compiacere il loro padrone, di solito sono facili da addestrare. Sono anche affettuosi ed hanno un “cuore aperto”, però sono anche “facili” a risentirsi: questo fatto implica che non reagiscano bene alle correzioni troppo severe o ai metodi d’allenamento duri.

Costo un cucciolo

Il costo di un cucciolo

Il prezzo di un cucciolo di Bovaro del Bernese si aggira attorno ai 700 / 900 euro. Prezzo che può però variare anche di molto in relazione alla sua genealogia, all’allevamento da cui proviene, alle eventuali visite veterinarie già fatte, alle spese di sverminazione, ecc.

Ricordiamo che per essere di razza, un cane deve avere il pedigree. Uno “di razza, ma senza pedigree” non è di razza: potrà essere un cane di simil-razza, ed il suo prezzo di mercato non può essere assolutamente paragonato con quello di uno di razza.

Non hanno un ampio pool genico (o pool genetico) e questa bassa loro diversità genetica comporta solitamente numerosi problemi di salute collegati alla consanguineità. Le loro maggiori probabilità di morire più precocemente degli altri cani potrebbero essere legate anche a questa condizione.

A causa dell’elevata richiesta del mercato, alcuni sconsiderati allevamenti di cani vendono cuccioli di Bovari del Bernese che di norma non dovrebbero vendere, Ciò comporta il rischio che, a loro volta, questi si riproducano con conseguenti danni alla razza. Chi è interessato ad un cucciolo di Bovaro del Bernese dovrebbe perciò stare attento a non supportare involontariamente queste pratiche irresponsabili.

La razza in sintesi

  • Origine: Svizzera
  • Temperamento: amichevole, calmo,
  • Caratteristiche: amano le attività all'aria aperta, come l'escursionismo o anche tirare i bambini piccoli su un carrello
  • Rapporto con i bambini: sì
  • Rapporto con altri cani: sì
  • Muta: abbondante
  • Toelettatura:
  • Altezza minima: 58 - 71 cm
  • Taglia: grande
  • Peso: 58.8 - 49.9 Kg
  • Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
  • Tendenza ad abbaiare: abbaia quando necessario
  • Addestrabilità: desideroso di piacere
  • Altri nomi con cui è conosciuto: Bernese Mountain Dog, Bouvier Bernois, Boyero De Montana Bernes, Bernese Sennenhund
  • Codice FCI: 45
  • Gruppo FCI: GRUPPO 2 - cani di tipo pinscher e schnauzer- molossoidi e cani bovari svizzeri