cuccioli di cane

L’alimentazione dei cuccioli di cane

Un cucciolo ha esigenze alimentari diverse da quelle di un cane adulto.
Per poter supportare la sua rapida crescita ha la necessità di assumere diversi tipi di nutrienti di qualità.
Svezzamento

Il processo di svezzamento dei cuccioli di cane

Il periodo temporale dello svezzamento si ha quando i cuccioli passano dalla condizione di doversi nutrire solo col latte materno, a quella in cui sono in grado di assumere anche altri alimenti.

Si tratta di un processo graduale, consequenziale all’evolversi del loro sistema gastrointestinale, processo che deve avvenire nei tempi giusti e secondo corrette modalità, in modo che una volta adulti non abbiano delle intolleranze alimentari.

Di norma è la madre che, spontaneamente, agevola lo svezzamento riducendo le poppate ed allontanandoli da sé poco prima che spuntino loro i primi denti, il che avviene a partire dalla terza  / quarta settimana di vita, anche se in alcune razze canine può avvenire più tardi.

Alimentazione e svezzamento

Alimentazione e svezzamento dei cuccioli

Per aiutarli in questa loro fase di transizione, quando ci accorgiamo che i cuccioli manifestano il loro interesse verso “il cibo della mamma “, noi possiamo integrare l’allattamento materno con un qualche alimento adatto ai cuccioli: potrebbe trattarsi di carne tritata “ammorbidita” con dell’acqua, di omogeneizzati, o di appositi alimenti per lo svezzamento in commercio.

I veterinari consigliano di abituarli agli alimenti solidi inumidendo con un po’ d’acqua calda i cibi per cuccioli in modo che venga a formarsi una pappa brodosa.

Dato che ai cuccioli piace giocare anche col cibo, in queste occasioni noi potremmo anche doverli incoraggiare a mangiare. A tal fine possiamo immergere un nostro dito nella loro pappa e poi allungalo perché i cuccioli lo lecchino.

Poi, man mano che ai cuccioli spuntano i primi dentini, possiamo nutrirli con alimenti via via meno liquidi e più solidi:

  • quattro volte al giorno, inizialmente,
  • per poi ridurli a tre fino al sesto mese di vita.
Numero pasti al dì

Il numero dei pasti giornalieri dei cuccioli

Il numero di pasti giornalieri è legato all’età dei cuccioli.

  • Dai 2 ai 3 mesi: solitamente 4 pasti al giorno.
  • Dai 3 ai 6 mesi: 3 pasti al giorno.
  • Sai 6 ai 12 mesi (fino a 24 mesi per i cani delle razze più grandi): 2 pasti al giorno.

Nella maggior parte dei casi, tra le 3 e le 4 settimane il cucciolo può iniziare lo svezzamento dal latte materno o dal latte artificiale impiegato per i cuccioli che non hanno la madre.

Il dopo svezzamento

L’alimentazione dopo lo svezzamento

Una volta svezzato, il cucciolo di cane dev’essere alimentato normalmente,

  • vuoi con cibi preparati appositamente solo per i cuccioli,
  • vuoi con cibi che indichino che sono adatti per “tutte le fasi della vita” dei cani,
  • oppure con i mangimi portanti l’indicazione che sono adatti per i “puppy” (cuccioli, in inglese).
La dieta equilibrata

L’importanza di una dieta equilibrata

Ogni cucciolo di cane ha l’esigenza di seguire sempre una dieta equilibrata. Infatti gli alimenti “completi” ed “equilibrati” per cuccioli contengono le giuste quantità di vitamine, di minerali, di proteine e di grassi.

Molti di questi li si possono acquistare nei negozi per cani, ma li si possono preparare anche a casa propria seguendo le indicazioni del veterinario.

Una dieta equilibrata dà al cane energia, serve a tenere attivo il suo cervello ed il suo corpo e, soprattutto, lo aiuta a crescere.

I nutrienti-chiave dei mangimi per i cuccioli di cane sono i seguenti.

  • Le proteine: le proteine ​​servono alla costruzione dei tessuti dei cuccioli.
  • I grassi: i grassi servono a mantenere sani la loro pelle ed i loro capelli; allo sviluppo del loro cervello e ad una buona vista.
  • I carboidrati: i carboidrati gli forniscono energia.
  • Le vitamine ed i sali minerali: sono due micronutrienti fondamentali per il corretto funzionamento dell’organismo, anche dei cuccioli.
  • L’acqua: ancorché i cibi in scatola per cuccioli possano anche contenere fino al 78% di acqua, ciò non è sufficiente: questi mangimi possano infatti fornir loro solo una parte del loro fabbisogno. I cani di tutte le età dovrebbero sempre avere a disposizione una fonte di acqua fresca e pulita.
I cibi – premio

I premi alimentari e gli avanzi della nostra tavola

Nulla in contrario al fatto di dare al cucciolo dei “premi alimentari” o degli avanzi. Tuttavia, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che le leccornie e i nostri avanzi non dovrebbero mai rappresentare più del 10% del suo fabbisogno calorico giornaliero.

L’eccesso di cibo può portare il cucciolo all’obesità e, a lungo andare, può causare al cane una volta adulto alcuni problemi di salute come il diabete e le malattie cardiache. Dobbiamo infatti ricordare,

  • che quello che per noi rappresenta solo un “piccolo avanzo”, rappresenta invece uno spuntino bello e buono per un cucciolo che pesi  10 -15 volte meno di noi,
  • che i cani hanno un metabolismo diverso dal nostro: le quantità di carboidrati e di zuccheri presenti nei nostri cibi e nelle nostre leccornie non sempre sono l'”ideale” anche per i cani;
  • che alcuni nostri alimenti sono pericolosi per i cani, soprattutto per quelli più piccoli e per i cuccioli (in ragione della piccola taglia).

Infatti non bisognerebbe mai lasciare che il cucciolo di cane assuma:

  • bevande o cibi contenenti alcol,
  • avocado,
  • pasta lievitata,
  • bevande contenenti caffeina,
  • cioccolato,
  • aglio e cipolle,
  • uva o uvetta,
  • xilitolo (un dolcificante).

Per chi fosse interessato a saperne di più, rinviamo al nostro articolo incentrato sugli alimenti nocivi per i cani .